LA POLITICA, LA COMUNICAZIONE, IL WEB
CASA IMBASTITA CAMPUS, LA FORMAZIONE DIVERTENTE E UTILE

LA POLITICA E' UNA COSA BELLA O UNA COSA SPORCA?

La politica è una cosa bella o una cosa sporca?

Può sembrare una frase retorica e priva di significato e magari lo è anche, ma ieri sul mio profilo di fb ho scritto questo post:

"Non fatevi sconfiggere da questi tempi provate voi a sconfiggere questi tempi. Uno vale davvero uno se si parte dal basso, questo è il grosso problema: l'impresa può sembrare impossibile. Questo è il motivo per cui, secondo me, tanti giovani rifiutano la politica diventando indifferenti, senza comprendere che solo la politica può cambiare lo stato delle cose. La politica è una cosa bella o una cosa sporca? Lancio questo sondaggio giurando di essere sobrio. Secondo voi?".

Il post è andato on line alle ore 21.30 orario in cui, il martedì, i giovani cazzeggiano e i "grandi" ... pure, al limite guardano Ballarò o trasmissioni rissose simili.

Bene, fino alle 24.00 c'è stata una ridda di commenti, opinioni e punti di vista di persone che hanno ritenuto opportuno scrivere la propria opinione, il range di età di chi ha partecipato alla discussione era variegato: dai diciottenni agli attempati come me,  ragazzi, uomini e donne.

E' presuntuoso dirlo ma ieri, in quella discussione: abbiamo fatto politica, bella politica: senza urlare, senza accapigliarsi, confrontandosi.

La definizione di politica di wikypedia è questa:

« L'uomo è per natura un animale politico »
(Aristotele, Politica)

La prima definizione di "politica" (dal greco πολιτικος, politikós) risale ad Aristotele ed è legata al termine "polis", che in greco significa città, la comunità dei cittadini; secondo il filosofo, "politica" significava l'amministrazione della "polis" per il bene di tutti, la determinazione di uno spazio pubblico al quale tutti i cittadini partecipano. Altre definizioni, che si basano su aspetti peculiari della politica, sono state date da numerosi teorici: per Max Weber la politica non è che aspirazione al potere e monopolio legittimo dell'uso della forza; per David Easton essa è la allocazione di valori imperativi (cioè di decisioni) nell'ambito di una comunità; per Giovanni Sartori la politica è la sfera delle decisioni collettive sovrane.

Al di là delle definizioni, la politica in senso generale, riguardante "tutti" i soggetti facenti parte di una società, e non esclusivamente chi fa politica attiva, ovvero opera nelle strutture deputate a determinarla, la politica è l'occuparsi in qualche modo di come viene gestito lo stato o sue substrutture territoriali. In tal senso "fa politica" anche chi, subendone effetti negativi ad opera di coloro che ne sono istituzionalmente investiti, scende in piazza per protestare. Secondo altri pareri invece, la politica in senso generale è l'occuparsi del bene pubblico e dello Stato nel senso più ampio, come ad esempio prendere una carta da terra e metterla nel cestino.

Questa definizione mi fa pensare, ne sono certo, che la politica sia una cosa bella, difficile, complicata, ma bella anche perchè fare politica è l'unico modo "civile" per cambiare le cose che non ci piacciono.

La partecipazione generata dal post di ieri su fb mi dice che c'è voglia di fare politica, partendo dal basso, anche perchè, volente o nolente tutti noi facciamo politica: parlandone, attivandosi, subendola. E' così.

Per questo è importante iniziare a parlarne, per poter trovare chi ha voglia di impegnarsi, per riuscire a coinvolgere i giovani che devono aver voglia di "fare bella politica", per riuscire a disegnare il proprio futuro e non vivere quello terribile che gli abbiamo creato noi, quelli della mia e della generazione precedente alla mia. 

Stiamo discutendo e si discute troppo senza fare nulla, potrebbero obiettare molti. Vero, ma se non si discute e non si mettono sul piatto le idee non si arriva a nulla. I passi giusti sono: discutere, trovare idee, svilupparle, fare un piano d'azione, agire, tutto nell'ordine. 

Certo, non devono passare decenni, ma si deve fare così. Cosa ne dite voi?

Per quanto riguarda me e chi mi è vicino: in marcia!

Il mantra di questo post è: sepoffàsepoffàsepoffà

 

                             Unknown

Commenti

I commenti per questa nota sono chiusi.